Skip to the content

La storia di Hama

Malte Haaning Plastic A/S fu fondata da Malte Haaning nel 1961. Inizialmente si producevano solo cannucce per bevande, ma la produzione si estese ben presto ad altri articoli di plastica come bastoncini per tartine, corde per saltare, ammazzamosche, casette col cibo per gli uccelli e tanti altri oggetti divertenti.

 

Quando fu chiaro che c'era una maggiore richiesta di perline di quanta i produttori di quel tempo potessero soddisfare, Malte Haaning decise di avviarne la produzione.

Le perline Midi furono lanciate nel 1971, e sono queste a costituire oggi la maggior parte del nostro fatturato. Nel 1978 arrivarono anche le perline Mini, seguite nel 1982 dalle perline Maxi. Alla fine degli anni ’70, Malte Haaning sviluppò il metodo della stiratura: fino ad allora, le perline venivano incollate su basi di plastica o di cartone.

Nel 1984 il nome HAMA fu registrato come marchio. Questa denominazione è ricavata dal nome del fondatore dell'azienda: HA sono le prime due lettere del cognome e MA le prime due lettere del nome.

A naturale sviluppo della nostra produzione si è aggiunto Maxi Stick.

Nel 1992, l’azienda è diventata una società per azioni. Dalla la morte di Malte Haaning nel 1999, la figlia minore Lene Haaning è alla direzione della società insieme a un nuovo consiglio di amministrazione.

Nel 2011 è stata introdotta la tracciabilità in ogni fase della produzione e nei centri di imballaggio.
Il 2015 è l’anno in cui Hama ha lanciato la propria app, Hama Universe, e nel 2018 ha aperto un can
ale su YouTube.

Oggi, i prodotti Hama sono venduti in più di 50 paesi in tutto il mondo.